#review: “Dentro l’acqua” di Paula Hawkins

7819414_2344997Titolo: “Dentro l’acqua”
Autore: Paula Hawkins
Genere: thriller
Pagine: 370
Prezzo: 19,50€ (copertina rigida)
Editore: Piemme
Pubblicazione: maggio 2017
ISBN: 9788856660616
In una frase: Un buon libro, non un buon thriller

“Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell’Inghilterra, Julia Abbott è costretta a fare ciò che non avrebbe mai voluto: mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi, spezzati, confusi, a volte ambigui, l’hanno sempre tenuta lontana. Ma adesso che Nel è morta, è il momento di tornare. Di tutte le cose che Julia sa, o pensa di sapere, di sua sorella, ce n’è solo una di cui è certa davvero: Nel non si sarebbe mai buttata. Era ossessionata da quel fiume, e da tutte le donne che, negli anni, vi hanno trovato la fine – donne “scomode”, difficili, come lei -, ma mai e poi mai le avrebbe seguite. Allora qual è il segreto che l’ha trascinata con sé dentro l’acqua? E perché Julia, adesso, ha così tanta paura di essere lì, nei luoghi del suo passato? La verità, sfuggente come l’acqua, è difficile da scoprire a Beckford: è sepolta sul fondo del fiume, negli sguardi bassi dei suoi abitanti, nelle loro vite intrecciate in cui nulla è come sembra. Con la stessa voce che ha incantato i diciotto milioni di lettori de La ragazza del treno, e la stessa capacità di spiare le vite degli altri, Paula Hawkins ci regala un thriller incredibilmente avvincente, che vi farà girare le pagine in modo compulsivo, fino all’inaspettata, sconvolgente rivelazione finale.”

Paula Hawkins torna con un nuovo anticipatissimo thriller: dopo il successo spaventoso de “La ragazza del treno” l’autrice tenta di bissarne l’impatto, ma a mio parere il risultato non è poi così positivo. Vi spiego perché. Come prima cosa c’è da dire che si nota un enorme miglioramento dello stile rispetto a “La ragazza del treno”: la Hawkins è riuscita a costruire una storia più organica e meglio costruita rispetto al primo libro, rendendo il romanzo estremamente coerente al proprio interno e seguendo un filo logico ben delineato.

Si nota soprattutto la cura messa nel costruire l’atmosfera del libro: il fiume della città è una presenza costante che pervade ogni parte del romanzo e accompagna (e molto spesso guida) ogni azione dei vari personaggi. Per tutta la lettura si ha questo senso di oppressione da parte del fiume e credo che questo rappresenti un enorme salto qualitativo a livello di stile da parte di Paula Hawkins. Purtroppo però accanto al netto miglioramento stilistico ci sono due elementi che invece affossano la narrazione: i personaggi e la mancanza di momenti wow.

Partendo dai personaggi si fa molta fatica (soprattutto all’inizio) a seguire gli eventi perché all’interno del romanzo si alternano ben 10 punti di vista differenti (uno per ogni personaggio coinvolto) più i racconti delle varie donne che nel corso dei secoli si sono tolte la vita gettandosi nel fiume. E 10 punti di vista sono troppi. Fra due capitoli relativi ad un personaggio ce ne sono minimo altri 3 o 4 e spesso si deve tornare indietro per recuperare alcune informazioni. Ed è uno dei motivi per cui il romanzo non cattura particolarmente a livello di suspance.

Un altro grande problema del libro è la quasi totale mancanza di momenti wow. I colpi di scena ci sono, ma arrivano in modo lento e passano quasi inosservati. Se nella ragazza del treno ero riuscito a chiudere un occhio sullo stile dell’autrice proprio grazie al colpo di scena finale che mi aveva fatto rivalutare tutto il libro, con “Dentro l’acqua” la Hawkins non mi ha stupito per niente, lasciandomi un po’ l’amaro in bocca.

In definitiva, credo che “Dentro l’acqua” dia un libro ben strutturato e scritto bene, ma non credo sia un buon thriller. Dopotutto se un thriller non è in grado di stupire, che thriller è?


VOTO: 3/5

3 stars


Acquista subito “Dentro l’acqua” su Amazon: edizione cartacea oppure ebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: